La voce delle/alle donne: la giusta ricetta

di Maria Sole Fabiani.

Il dolce simbolo dell’8 marzo, dedicato alla Giornata Internazionale della Donna, è la mimosa, ecco allora che grazie a nonna Bruna, posso fornire una ricetta originale, da assaporare in abbinamento alle dolci parole di nonna Giuseppina:

Ciambella:

300 gr di zucchero

5 uova intere

5 cucchiai di acqua

bucci grattugiata di limone

250g di farina

1 bustina di lievito vanigliato per dolci

Crema pasticcera:

500 ml di latte

3 torli d’uovo

60 gr di zucchero

40 gr di farina 00

Panna per dolci

Procedimento

Amalgamare bene 5 tuorli, con zucchero e acqua. Una volta ottenuto un composto omogeneo aggiungere la buccia grattugiata e, dopo averli montati a neve gli albumi. Aggiungere la farina setacciata, il lievito fino ad ottenere un composto liscio.

In uno stampo rotondo imburrato, versare il composto e infornare a 180, per 50/60 minuti. Sfornare e far raffreddare.

Nel frattempo, preparare la crema e, una volta raffreddata, aggiungere la panna montata.

A questo punto, seguendo nonna Bruna, si aggiungono, tagliate a dadini, delle pesche sciroppate.

Prendere la ciambella, con la lama del coltello, togliere la parte superiore di colore bruno (esteticamente stonerebbe), sempre con il coltello e con l’aiuto delle mani, creare alla base, un foro e con la parte tolta, fare dei dadini.

Bagnare, quindi, la ciambella con lo sciroppo delle pesche e riempiamo il foro con la crema.

Sporcare con la crema anche l’esterno della ciambella e unire i dadini che simuleranno i fiori della mimosa.

Prima di portare in tavola, decorare con una mimosa vera.

Accanto a questa delizia del palato di nonna Bruna, suggerisco di abbinare le parole di nonna Giuseppina che, oltre a cucinare, ama scrivere:

Alla Donna

Donna

sei la principale alleata

della vita dell’uomo nascente

attraverso un legame molto importante:

la maternità.

Rappresenti il simbolo

il modello della più grande solidarietà

verso la nuova vita.

Sereno 8 marzo in e con tutti i sensi.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*